Vacanze e turismo, le nuove norme europee

Stampa/PDF

Il Consiglio europeo ha confermato l’accordo politico sulla riforma della direttiva relativa ai pacchetti turistici.  

La nuova direttiva aggiornerà le attuali norme dell'UE in materia di pacchetti vacanze con l'intento di adattarle all'evoluzione del mercato del turismo per venire incontro alle esigenze dei consumatori e delle imprese nell'era digitale. Questa estenderà la protezione prevista per i pacchetti tradizionali alle combinazioni di servizi turistici distinti, in particolare se venduti online. 

Il ministro dell'economia Dana Reizniece-Ozola ha dichiarato: "Il presente atto legislativo fornirà ai viaggiatori ed all'industria il quadro atteso da tempo, adeguato allo scopo e alle esigenze future dell'industria del turismo in crescita ed evoluzione costanti. In particolare, rafforzerà i diritti dei passeggeri al momento della prenotazione online e terrà conto di nuove modalità di prenotazione. Oltre al rafforzamento dei diritti dei consumatori, anche le imprese, in particolare le piccole e medie imprese, beneficeranno di tale direttiva". 

Le nuove condizioni promuoveranno parità di condizioni per le imprese armonizzando le norme e rimuovendo gli ostacoli al commercio transfrontaliero.  La scelta di prodotti turistici da prenotare sarà quindi più ampia e ne potrebbe risultare un abbassamento dei prezzi per i consumatori. 

Prossime tappe

Si prevede che il Parlamento europeo confermi il testo dell’accordo politico del Consiglio con una votazione in seconda lettura in una prossima sessione plenaria. Il testo sarà sottoposto a una revisione giuridico-linguistica prima che il Consiglio possa approvarlo formalmente.

Stampa/PDF
Vacanze e turismo, le nuove norme europee