VELON, COME CAMBIERA' IL CICLISMO IN TV?

Stampa/PDF
Dave Brailsford, il numero uno del Team Sky, ha annunciato l'adesione di 11 team a Velon, una joint venture che mira ad ampliare la popolarità del ciclismo attraverso un nuovo modello di business. Le squadre in questione sono: Belkin, BMC, Garmin-Sharp, Lampre-Merida, Lotto-Belisol, Omega Pharma-Quickstep, Orica GreenEDGE, Team Giant-Shimano, Tinkoff, Trek e, naturalmente, SkyProCycling. Non è esclusa la partecipazione futura di altri team. Per ora nessuna squadra francese ha aderito al progetto, così come Astana, Katusha e Movistar.

 


OBIETTIVI
Velon, come riporta Cyclingnews.com, nasce con lo scopo di creare un prodotto più accattivante per i suoi fruitori, realizzando così guadagni che integrino i tradizionali sistemi di sponsorizzazione. I team uniti in questo progetto hanno avvertito l’esigenza di proporre nuovi modelli di business per innovare il ciclismo. “La collaborazione tra i team - ha spiegato Brailsford – è la pietra angolare di un cambiamento che riteniamo positivo per questo sport. Il ciclismo possiede un grande potenziale: se i team lavoreranno insieme potremo offrire un prodotto più bello e semplice da capire, incoraggiando tanti nuovi spettatori a seguire questo sport”.



ON BOARD CAMERA
Le dichiarazioni d’intenti saranno seguite dai fatti? In alcuni casi si potrebbe dire che sono state precedute. Un esempio è quello delle on-board camera, già testate sulle biciclette degli atleti nel corso della scorsa stagione. Lo spettatore potrà così godersi riprese televisive che ricordano quelle già presenti in altri sport, come ad esempio in Formula 1. Il brivido di stare nel bel mezzo del gruppo restando sul divano di casa, è qualcosa che il popolo del ciclismo non ha ancora conosciuto in maniera diffusa. “Le on board camera sono solo il primo passo; offriremo anche altre informazioni per presentare meglio le gare” ha dichiarato Graham Bartlett, amministratore delegato di Velon ed ex direttore commerciale del Liverpool e di Sky Sports.


TV
 D'accordo, ma oltre alle on-board camera, come cambierà in concreto il ciclismo in televisione? Molti dettagli – inclusi eventuali costi supplementari - non sono ancora noti. Per avere un'idea, però, un'ipotetica veste grafica può essere quella riportata da Nieuwsblad.


Gli appassionati potranno sapere in tempo reale, tra le altre cose, la velocità dei corridori, i parametri fisiologici, il numero delle pedalate al minuto, i watt espressi, ma si potrà anche ascoltare le conversazioni che avvengono tra atleti ed ammiraglie. Di più: si starebbe ultimando un’app capace di monitorare la posizione del nostro ciclista preferito in ogni fase della corsa.     

 

Stampa/PDF
VELON, COME CAMBIERA' IL CICLISMO IN TV?