• Magazine
  • Società
  • Verso un modello italiano di occupabilità per Rom e persone vulnerabili

Verso un modello italiano di occupabilità per Rom e persone vulnerabili

Stampa/PDF

Attualità fortissima per il workshop che si svolgerà, presieduto dall’Assessore al Welfare Roberta Gaeta lunedì 8 giugno nella Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo.

L'evento è organizzato da UNAR Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Consorzio NOVA e Fundaciòn Secretariado Gitano (FSG), in collaborazione con il Comune di Napoli.

Sarà presentato lo studio commissionato da UNAR per I'analisi del programma spagnolo ACCEDER sull'occupazione della popolazione Rom e le sue possibili sperimentazioni in Italia, partendo dalle Regioni del Sud.

Una giornata di informazione e di confronto sulle politiche di  occupazione ed inclusione sociale rivolte alla popolazione Rom e alle  persone più vulnerabili, per conoscere gli strumenti normativi e le  pratiche d'integrazione possibili, anche alla luce del programma  ACCEDER, efficace modello di inserimento lavorativo adottato in Spagna.

All'apertura dei lavori interverrà il Direttore generale di UNAR, Marco De Giorgi, il Prefetto di Napoli, Gerarda Maria  Pantalone; il Direttore Generale Dipartimento inclusione e politiche sociali del Ministero del Lavoro, Raffaele Tangorra; il Direttore  Generale Giustizia della Commissione europea, Lina Papamichalopoulou.

Il workshop si articolerà in tre sessioni condotte da dirigenti e  funzionari UNAR, dagli esperti dell'FSG e del Consorzio Nova.

Interverranno al dibattito Veronica Nicotra, segretario generale ANCI e Nazzareno Guarnieri, presidente Fondazione Romanì. Sulle possibili sperimentazioni a Napoli, interverrà l'Assessore al Welfare  Roberta Gaeta. Sono previsti, inoltre, i contributi dei  sindaci di Lecce, Catanzaro sulle possibili sperimentazioni del  Modello nelle loro città.

Stampa/PDF
Verso un modello italiano di occupabilità per Rom e persone vulnerabili