VIS: nuovo mandato europeo

Stampa/PDF

In risposta alle mutevoli sfide in materia di migrazione e sicurezza, l'UE sta migliorando il proprio sistema di informazione visti (VIS), uno strumento utilizzato dalle autorità per registrare e controllare le persone che richiedono un visto per entrare nello spazio Schengen.
 
Gli ambasciatori dell'UE hanno concordato oggi la posizione negoziale del Consiglio su una proposta di modifica del regolamento sul sistema di informazione visti (VIS). Sulla base di questo mandato, la presidenza del Consiglio avvierà negoziati con il Parlamento europeo dopo che quest'ultima avrà adottato la sua posizione.

VIS: gli obiettivi del nuovo regolamento
"Abbiamo il dovere di garantire che coloro che entrano nell'Unione europea non rappresentano una minaccia per i nostri cittadini e non utilizzano falsi pretesti per aggirare le norme esistenti in materia di immigrazione. Le nuove regole VIS contribuiranno a migliorare la sicurezza, in particolare attraverso la registrazione dei visti per soggiorni di lunga durata e delle domande di permesso di soggiorno nel sistema" ha dichiarato Herbert Kickl, ministro degli interni dell'Austria

Gli obiettivi principali del regolamento di modifica sono:

  • rafforzare ulteriormente la sicurezza della procedura per i visti per soggiorni di breve durata
  • includere i visti per soggiorni di lunga durata e i permessi di soggiorno nel database
  • garantire l'interoperabilità tra il VIS e altri pertinenti sistemi e banche dati dell'UE

VIS: il database centralizzato
Secondo le nuove norme proposte, il VIS non includerà solo le informazioni sui visti per soggiorni di breve durata, ma anche sui visti per soggiorni di lunga durata e i permessi di soggiorno, in quanto tali documenti consentono la libera circolazione all'interno dello spazio Schengen. 
La registrazione di questi documenti in un database centralizzato aiuterà le autorità a verificarne l'autenticità e la validità.

Inoltre, nel VIS sarà inclusa una copia digitale della pagina dei dati anagrafici del documento di viaggio. Ciò faciliterebbe anche il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi soggiornanti illegalmente i cui dati possono essere memorizzati nel VIS poiché, anche se il loro documento di viaggio non è disponibile al momento della restituzione, una copia può essere riconosciuta dai paesi terzi come prova della nazionalità .

Inoltre, l'elenco dei documenti di viaggio riconosciuti che danno diritto al titolare di attraversare la frontiera esterna sarebbe integrato nel VIS, al fine di consentire la verifica automatica del riconoscimento del documento di viaggio del richiedente a tal fine.

VIS: controlli e accesso
Prima di rilasciare un visto o un permesso di soggiorno, le nuove norme consentirebbero alle autorità di verificare i dati personali forniti contro le pertinenti banche dati sulla sicurezza e sulla migrazione, ad esempio Eurodac, il sistema Entry-Exit e la banca dati di documenti di viaggio rubati e persi di Interpol. La consultazione di tali banche dati verrebbe automaticamente avviata dal VIS, mentre eventuali hit risultanti dall'assegno verrebbero valutati manualmente dall'autorità responsabile, che deciderà sul seguito appropriato.

L'accesso di Europol e delle autorità incaricate dell'applicazione della legge ai dati VIS, attualmente regolamentati in base a una decisione del Consiglio del 2008, sarebbe anche integrato nel regolamento VIS. L'accesso ai dati VIS può consentire alle autorità di contrasto di identificare le vittime di reati o compiere progressi nelle loro indagini.

Al fine di adempiere ai loro obblighi ai sensi delle norme Schengen, i vettori internazionali dovrebbero anche essere in grado di verificare se hanno o meno cittadini di paesi terzi che devono essere in possesso di un visto o di un permesso di soggiorno validi. Ciò non consentirebbe loro di accedere al VIS in quanto tali, si limiterebbero a fare riferimento a una risposta sì / no all'esistenza di un visto o di un permesso di soggiorno validi.


Stampa/PDF
VIS: nuovo mandato europeo