WopArt Fair: una mostra artistica che si rinnova

Stampa/PDF
WopArt è nata nel 2016 a Lugano (Svizzera) con 37 espositori, ma è cresciuta esponenzialmente raccogliendo nel 2017 oltre 70 adesioni e nella terza edizione, del 2018, circa 90 gallerie provenienti da 14 Paesi del mondo.
 
Oggi WopArt Fair è di fatto la prima fiera internazionale al mondo, per rilevanza delle gallerie presenti, tra quelle che offrono dei capolavori Works on Paper antichi, moderni e contemporanei.
 
Nell’epoca della digitalizzazione il “valore della carta” andrà sempre più a coincidere con l’aspetto iconico delle opere d’arte. Per questo Il format WopArt ha raccolto successo ed entusiasmi. Sul mercato internazionale dell’arte, i Works on Paper sono destinati nei prossimi anni a salire nei valori di stima e quindi attrarre sempre più l’attenzione di collezionisti tradizionali e neofiti.
 
Nel progetto WopArt  - il cui marchio è registrato in Svizzera, in Italia e diversi altri Paesi - ha deciso di investire Alberto Rusconi, imprenditore di fama internazionale, figlio di Edilio Rusconi, storico editore, scrittore, giornalista e produttore cinematografico italiano. La presenza di Alberto Rusconi consolida e rinforza la qualità complessiva di WopArt Fair.
 
“La carta per la mia famiglia ha rappresentato da sempre il veicolo con cui diffondere conoscenza e cultura - riferisce Alberto Rusconi - Oggi, nel momento in cui essa rischia di essere sostituita dall’universo digitale, sento come un dovere, oltre che un piacere, concorrere a un progetto volto a nobilitarla come supporto speciale di capolavori d’arte di tutte le epoche e gli stili. Sono certo che WopArt conoscerà negli anni a venire un successo non solo commerciale, ma anche sul versante squisitamente culturale nella diffusione della storia e conoscenza della carta, uno strumento che ha permesso passi da gigante nell’evoluzione dell’umanità intera”.
 
Accanto ad Alberto Rusconi è presente Paolo Manazza, pittore italiano ed esperto d’arte, ideatore del format WopArt.
 
Sono felice di avere al mio fianco Alberto Rusconi - ha dichiarato Paolo Manazza - in questa impresa volta a consolidare il valore della carta nell’universo che in futuro gli sarà proprio: il mondo dell’arte e del collezionismo. I valori attuali, mediamente molto bassi, dei capolavori eseguiti su supporto cartaceo dai maestri storici permettono una sempre più ampia diffusione dell’arte e quindi della cultura. WopArt desidera proporre l’eccellenza nelle opere di ogni epoca realizzate su carta”.
 
Nell’edizione del 2019 - continua Manazza - aumenteremo il parterre di grandi e raffinati collezionisti e curatori museali, offrendo loro una platea selezionata di gallerie e una serie di mostre collaterali e talk intorno al tema della storia e dell’arte su carta”.
Stampa/PDF
WopArt Fair: una mostra artistica che si rinnova