Categorie: Donne &... non solo

Depressione post partum o maternity blues?

Può sembrare strano ma circa l’ottanta per cento delle neo mamme dopo la nascita del proprio piccolino sperimenta un sentimento di confusione e di sconforto. Si può parlare di depressione? Nonostante il sentimento di compiacimento che accompagna tutta la gravidanza, con la nascita del bambino le donne devono far i conti con un ruolo nuovo al quale è necessario abituarsi quanto prima. Questo adattamento insieme ad altri elementi in alcuni casi può essere responsabile di quella che comunemente chiamiamo depressione post partum.
Maternity blues
Subito dopo il parto la neomamma si trova a dover fare i conti con un sentimento di sconforto, ansia e preoccupazione, derivante dalla nuova situazione. Gli interrogativi riguardano per lo più le priorie capacità genitoriali, le esigenze del bambino e tanto altro. Questo mix di sentimenti contrastanti viene chiamato maternity blues o sindrome del terzo giorno ed è caratterizzata da continui sbalzi di umore e crisi di pianto.
La mamma potrebbe avvertire anche un certo risentimento nei confronti del piccolo, specie in situazioni frustranti come nel caso in cui il bambino non si attacchi al seno, non mangi o si svegli frequentemente di notte. È in questo momento che la neomamma è più debole e bisognosa di supporto che non sempre arriva puntuale. A causa dei pregiudizi e della mentalità talvolta troppo ristretta si tende a pensare che la neomamma non possa provare sentimenti di sconforto, così, questa tende nascondere la realtà di ciò che prova dietro finti sorrisi che poi generano non pochi problemi.
È importante, invece, che la donna venga supportata, incoraggiata e soprattutto aiutata in questo momento così delicato. Amici, partenti e partner giocano un ruolo di fondamentale importanza, il loro compito è quello di supportare la neomamma, cucinando, aiutandola nelle faccende domestiche e soprattutto senza giudicare o dare consigli insistenti, questi atteggiamenti non fanno altro che aumentare il senso di inadeguatezza della mamma.
La depressione post parto e i suoi sintomi
Talvolta il maternity blues si risolve autonomamente, altre, invece, le difficoltà e il senso di inadeguatezza persistono e addirittura si evolvono e allora si parla di depressione post parto. Ma come si riconosce? Quali sono i sintomi? Le madri che soffrono di depressione post partum sperimentano dei profondi sensi di inadeguatezza e incapacità che le portano a sentirsi inutili e inadeguate, provano dei sentimenti di incompetenza, tristezza, vergogna accompagnati da disturbi del sonno e dell’appetito. Molto spesso le mamme diventano irritabili e presentano mal di testa, spesso si trascurano e trascurano il bambino. Alcune non si sentono brave madri mentre altre possono lamentarsi del piccolo poiché non si adatta alle abitudini dei neo genitori, insomma, la neomamma in una maniera o in un’altra riesce a sentirsi lontanissima dal suo precedente mondo. La depressione influenza il modo di relazionarsi col bambino, alcune mamme riescono a prendersi cura del neonato rispondendo alle sue esigenze e favorendone uno sviluppo positivo mentre altre non ci riescono e percepiscono le richieste del bimbo in modo negativo, tanto da provare ansia e tristezza, sentimenti che rendono difficile rapportarsi al piccolo e che tendono a far allontanare la madre.
La terapia
La depressione post parto è piuttosto rara e non va confusa con i cambiamenti di umore tipici del periodo dopo il parto. È importante, in questi casi, non ricorrere ad autodiagnosi ma parlare con uno specialista che può aiutare la neomamma. Ci si può rivolgere ai consultori, questi, infatti, pongono in essere numerosi programmi di sostegno e tanti incontri per confrontarsi, insomma è importante non isolarsi e condividere quanto più possibile.
Maria Giuseppina Buono

Tutti i dilettanti scrivono volentieri. Perciò alcuni di loro scrivono così bene.(Friedrich Durrenmatt)

Condividi
Pubblicato da
Maria Giuseppina Buono

Articoli Recenti

Governance Poll 2024: i più amati tra i primi cittadini d’Italia

Governance Poll 2024: il sindaco di Parma Michele Guerra (63%) conquista il primo posto tra… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Freedom Energy: riscatto e mobilità sostenibile

Il progetto "Freedom Energy" è stato reso possibile grazie al protocollo d'intesa firmato tra il… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Irpinia: viaggio nel cuore dell’appennino campano

L'Irpinia, un territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturali che si estende nel cuore… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Conflitti nel mondo: quanti morti dalla Guerra Fredda

Conflitti nel mondo: quanti morti hanno fatto dalla Guerra Fredda a oggi? Scopriamolo con l'aiuto… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Xsolla lancia una pluripremiata soluzione backend che aggiunge il supporto per il gioco multipiattaforma alle console di nuova generazione

Ottimizzazione dell'efficienza nello sviluppo: soluzioni su misura per un'integrazione fluida tra le principali piattaforme di… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Virus sud America: cos’è Oropouche

Oropouche è il nuovo virus proveniente dal Sud America che sta facendo registrare i primi… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più