Tendenze

Legge sull’aborto: a che punto siamo

La decisione della Consulta di Stato americana è un duro colpo alla legge sull'aborto: come vanno le cose nel nostro Paese?

Legge sull’aborto: un’espressione che da esplicitazione di un diritto si è trasformata quasi in un’anatema. La decisione della Corte suprema americana ha destato molto scalpore un po’ a tutte le latitudini ma com’è la situazione nel resto del mondo?

Legge sull’aborto: la decisione della Corte suprema americana

La scorsa settimana, lo sappiamo, la Corte suprema americana ha annullato la storica sentenza “Roe v Wade” del 1973 che aveva sancito negli USA il diritto di abortire. La sentenza fu il frutto della battaglia di Jane Roe (al secolo Norma McCorvey) messa incinta per la terza volta dal marito violento. A quei tempi l’aborto era regolato da leggi dei singoli Stati: in alcuni era praticato solo in determinati casi come stupro, malformazioni del feto; in altri era illegale in ogni caso mentre in pochi Stati bastava semplicemente che la donna interessata avanzasse la richiesta. Non esisteva, dunque, una legge federale in materia e quello all’aborto non era un diritto sancito dalla costituzione. La sentenza del 1973 si collegò al XIV emendamento della Costituzione, che tutela la privacy dei cittadini. Privacy intesa come libera scelta delle persone di prendere decisioni su questioni intime. In quest’ottica rientrava, secondo i giudici dell’epoca, anche il diritto di abortire.

Foto di H. Hach da Pixabay

Parola agli Stati… e al Congresso

Da allora tutti gli Stati dovettero adattarsi a questa sentenza che, in un ordinamento giuridico come quello americano di Common law, diventa vincolante. L’America, dunque, una legge federale sull’aborto non l’ha mai avuta. Legiferare spetta al Congresso e se la parte progressista del Paese vuole dotarsi di questa legge, a questo punto, deve sperare in un buon risultato alle elezioni di medio termine che si svolgeranno a novembre. Intanto, ora che la sentenza è stata annullata, la competenza torna nelle mani dei singoli Stati. Stati che con una prontezza insospettabile sono già pronti ad approvare leggi che negano alle donne di abortire. Gli Stati maggiormente attivi su questo fronte sono quelli del Sud e del Midwest. Con questa abolizione gli Stati Uniti diventano il quarto Paese ad aver abolito il diritto all’aborto dal 1994 al pari di Polonia, Salvador e Nicaragua.

L’aborto in Italia

L’ondata antiabortista sta montando, come ben sappiamo, anche in Europa dove le restrizioni aumentano costantemente o per leggi approvate si rende impossibile nella pratica la loro applicazione. Quest’ultima opzione si verifica proprio a casa nostra. L’Italia ha una legge, la 194, che regola l’aborto dal 1978. Pur ripudiando la pratica dell’aborto come strumento per il controllo delle nascite, la legge individua nei consultori i luoghi deputati per l’accompagnamento delle donne in questo percorso. Gli operatori sono tenuti a dare sostegno alle donne anche informandole sui rischi e rimuovendo le eventuali cause di tale scelta. L’uomo non può esercitare nessun diritto nella decisione della donna. L’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) deve poter essere praticata in ciascuna delle strutture afferenti al Servizio Sanitario Nazionale.

La legge riconosce al personale sanitario l’obiezione di coscienza anche se con alcune deroghe come nel caso di interventi d’urgenza che se non praticati metterebbero la donna in pericolo di vita. Tutto bene si potrebbe pensare se non fosse per qualche “dettaglio”. La metà degli ospedali italiani non è attrezzato per eseguire le IVG. Molte strutture contano al loro interno personale sanitario esclusivamente obiettore di coscienza e non adottano le misure previste dalla legge per sopperire alla mancanza di personale in grado di effettuare le IVG. Quando lo fanno, devono chiamare medici esterni con conseguente aggravio di costi sul SSN. Il caso esemplare è rappresentato dal Molise dove esiste un solo medico non obiettore per il quale sarebbe giunto anche il momento della pensione.

In copertina foto di Gerd Altmann da Pixabay

Serena Bonvisio

Giornalista pubblicista, ha al suo attivo collaborazioni con diverse testate locali e nazionali, nonché esperienza di radio e ufficio stampa. Il web è come il primo amore... non si scorda mai.

Condividi
Pubblicato da
Serena Bonvisio

Articoli Recenti

Bidgely si aggiudica il Future Ready Organization Award 2022-2023

L’azienda è stata premiata per aver implementato con successo processi organizzativi flessibili e resilienti Continua a leggere

10 Agosto 2022

Vibeke Mascini: Rendezvous

La Fondazione Arnaldo Pomodoro presenta Rendezvous di Vibeke Mascini, il secondo appuntamento dell’annuale ciclo espositivo… Continua a leggere

10 Agosto 2022

In un sondaggio di Dresner Advisory Services Pyramid Analytics viene riconosciuta tra i leader del settore della business intelligence

Pyramid Analytics ottiene il massimo punteggio nella categoria Raccomandazioni da parte di clienti Continua a leggere

10 Agosto 2022

Positivi e vaccinati in Campania del 10 Agosto

I dati aggiornati al 10 Agosto circa i positivi e i vaccinati in Campania Continua a leggere

10 Agosto 2022

Gurobi lancia un programma di formazione condotto da esperti per aiutare gli utenti a ottenere il massimo dall’ottimizzazione matematica

Le organizzazioni possono fruire di sessioni di formazione pratiche personalizzabili per tutti i membri del… Continua a leggere

10 Agosto 2022

Obbligo di fedeltà coniugale: come si riscrivono le regole di coppia

Quando si parla di obbligo di fedeltà coniugale intendiamo un retaggio sociale e religioso sorpassato… Continua a leggere

10 Agosto 2022

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più