Donne &... non solo

Nilde Iotti, prima donna a ricoprire un’alta carica dello Stato

Nilde Iotti è nata nel 1920 da una famiglia da condizioni economiche disagiate.

Nilde Iotti è nata nel 1920 da una famiglia da condizioni economiche disagiate. Laureata in Lettere e Filosofia, all’Università Cattolica di Milano, per alcuni anni esercitò la professione di insegnante in un Istituto tecnico industriale di Reggio Emilia.

Dopo l’8 settembre 1943 entrò nelle file della Resistenza operando nei Gruppi di difesa della donna, che hanno dato un grande contributo alla lotta contro i nazifascisti. Questi gruppi raccoglievano medicinali, indumenti, cibo per i partigiani. Oppure portavano messaggi , trasportavano volantini , armi. Nide Iotti era la responsabile di questi gruppi e grazie al suo coraggio e alla fiducia di cui godeva rivestì il ruolo di porta-ordini.

Nilde Iotti è stata una delle Madri Costituenti che più ha contribuito alla nascita della Costituzione. Nel 1946 viene candidata dal Partito Comunista Italiano prima come consigliere comunale nel suo paese e poi all’Assemblea Costituente. Così entra a far parte della Commissione dei 75 incaricata della stesura della Costituzione. Eletta nel 1948, è stata la prima donna in Italia nominata Presidente della Camera dei Deputati e ricoprì questo ruolo per ben 13 anni. Fino al 1999, per tre legislature.

La lotta per l’emancipazione della donna

Ha lottato per l’emancipazione della donna in un contesto in cui le donne non erano considerate cittadine con diritti pari a quelli degli uomini. In un contesto in cui la donna era vista solo come moglie e madre.

Difese il principio della pari retribuzione tra uomo e donna e pretese la soluzione al problema dei figli illegittimi, ai quali dovrebbero essere riconosciuti gli stessi diritti dei figli legittimi.

E’ la prima firmataria di una proposta di legge per istituire una pensione e una assicurazione per le casalinghe nel 1955. Nel 1974 partecipa attivamente alla battaglia referendaria in difesa del divorzio e l’anno seguente promuove la legge sul diritto di famiglia. Nel 1978 contribuisce a far approvare la legge sull’aborto.

Muore a Roma il 3 dicembre 1999. Rimarrà per sempre un esempio, un simbolo a cui ispirarsi per continuare a lottare per una società più giusta in cui non ci siano discriminazioni e differenze di genere.

Daria Lapenta

Ho lavorato per Ossigeno per l'Informazione, osservatorio sui giornalisti minacciati promosso dall'Odg e FNSI. Poi per Nextquotidiano.it, occupandomi di cronaca e inchieste. Studio Relazioni economiche internazionali a La Sapienza di Roma. Dal 2011 curatore del portale di informazione LaMeteora.info. Mi interesso di attualità e sottoculture.

Condividi
Pubblicato da
Daria Lapenta

Articoli Recenti

Governance Poll 2024: i più amati tra i primi cittadini d’Italia

Governance Poll 2024: il sindaco di Parma Michele Guerra (63%) conquista il primo posto tra… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Freedom Energy: riscatto e mobilità sostenibile

Il progetto "Freedom Energy" è stato reso possibile grazie al protocollo d'intesa firmato tra il… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Irpinia: viaggio nel cuore dell’appennino campano

L'Irpinia, un territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturali che si estende nel cuore… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Conflitti nel mondo: quanti morti dalla Guerra Fredda

Conflitti nel mondo: quanti morti hanno fatto dalla Guerra Fredda a oggi? Scopriamolo con l'aiuto… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Xsolla lancia una pluripremiata soluzione backend che aggiunge il supporto per il gioco multipiattaforma alle console di nuova generazione

Ottimizzazione dell'efficienza nello sviluppo: soluzioni su misura per un'integrazione fluida tra le principali piattaforme di… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Virus sud America: cos’è Oropouche

Oropouche è il nuovo virus proveniente dal Sud America che sta facendo registrare i primi… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più