Specchi & Doppi

Sconvolgimenti climatici: dalla siccità alle alluvioni

Sconvolgimenti climatici: si passa dalla siccità alle alluvioni con una "naturalezza innaturale" e non ci accorgiamo di cosa combiniamo al Pianeta

Sconvolgimenti climatici: si passa dalla siccità alle alluvioni con una “naturalezza innaturale” e noi non ci accorgiamo nemmeno più di cosa abbiamo combinato al pianeta! 

È molto amaro il boccone da ingoiare assistendo con un senso di impotenza infinita al Pianeta che ci rigurgita in faccia tutte le malefatte ambientali che abbiamo contribuito tutti a realizzare. Quanti di quelli che fino ad ora deridevano il sano ambientalismo, ma anche movimenti come Fridays For Future, apostrofandoli come ‘jettatori’ ed apocalittici oggi sono ancora disposti a dileggiare chi ha da sempre lanciato allarmi sui cambiamenti climatici?

Siccità e fiumi in secca, ora l’acqua scarseggia?

Si, ora l’acqua scarseggia. Certo non siamo ancora a livello dei paesi del terzo e quarto mondo in cui il regalo più ambito è, oggi, senza dubbio un nuovo pozzo che permetta di non dover andare a cercare acqua per chilometri e chilometri con le taniche in mano o sulla testa. Non siamo ancora al punto in cui sono milioni di persone verso le quali il nostro atteggiamento si distribuisce fra l’egoistico voltare la faccia altrove e il pietismo più patetico dell’offerta della classica monetina.

Oggi stiamo cominciando a capire cosa significa avere fiumi come il Po o come il Tevere (solo per citare i primi due a memoria) in condizioni di secca così pronunciata che pensare che la cosa si possa risolvere con le piogge è davvero arduo. Assistiamo – anche se solo in video – allo scioglimento dei ghiacci perenni dell’artico e le tragedie in montagna per il franare dei ghiacciai alpini sono ormai all’ordine del giorno.

Il consumo di acqua pro capite è attestato, secondo gli ultimi rapporti, a 220 litri al giorno (calcolate facilmente il consumo di una famiglia tipo). Eppure sappiamo, sempre dagli stessi dati, che il consumo maggiore di acqua non è domestico ma è assorbito sempre dal settore economico primario (agricoltura). Ecco, non vogliamo contare e razionare l’acqua ad ognuno – anche se un consumo responsabile sarebbe consigliabile – .

È così fuori dalla grazia di Dio mettere in atto politiche di salvaguardia dei territori e dei bacini idrogeologici magari con appositi accumuli in epoca di abbondanza e distribuzione in periodi di magra? È così fantascientifico pensare a mettere in piedi e far funzionare al meglio impianti di desalinizzazione delle acque marine, visto che siamo una penisola circondata dal mare o vogliamo solo continuare a parlare di cuneo salino del Po perché fa tanto mondo di Quark?

Sconvolgimenti climatici. Dalla siccità alle alluvioni

Passiamo con disinvoltura disarmante dalla siccità alle alluvioni nel volgere di un battito di ciglia. Piangiamo, con le solite lacrime da coccodrillo, al realizzarsi di inondazioni che ormai più che periodiche sono diventate ricorrenti. Le ultime immagini da Monteforte irpino hanno ricordato quelle di Sarno e tante altre situazioni simili, non tutte accadute in Campania sia chiaro. 

Il nostro territorio grida vendetta, ci ha avvertito in ogni modo. Le tragedie si sono moltiplicate negli anni ma noi siamo sempre sordi e facciamo finta di non vedere; al massimo mettiamo in atto qualche piccolo intervento “per la messa in sicurezza” che significa intervenire in modo molto gattopardesco.

Attenzione che questo del clima non è solo un problema ambientale, è un problema politico che parte dagli sconvolgimenti climatici ma porta con se sconvolgimenti anche sociali. Meno acqua significherà meno spazio vitale e popolazioni che si muoveranno per la ricerca di condizioni di vita più abbordabili. Il problema dei flussi migratori rischia di essere alimentato al massimo sia da questo che dagli sconvolgimenti per le guerre. Pensiamoci bene, cerchiamo di capire prima di puntare – come nostro solito – il dito.

Sconvolgimenti climatici. Che facciamo, quindi, ora?

Mesi e mesi di assoluta mancanza di piogge da un lato e totale assenza di una politica di tutela ambientale, che pensasse – come minimo – alla creazione di invasi artificiali in cui accumulare le acque per poi distribuirle al momento opportuno ed in caso di abbisogna, hanno creato un mix micidiale che oggi significa la morte di tanti ecosistemi completamente sconvolti dalle mutazioni climatiche.

Chiedere alla nostra politica, ma anche a quella europea e mondiale di occuparsi – magari – di ambiente e preservazione dello stesso invece che perdere tempo a confliggere per mostrare chi ce l’ha più lungo, il missile nucleare ovviamente non siate malpensanti, è davvero opera ardua. A parlare con questi signori è ormai perdita di tempo e la realizzazione del vecchio adagio che si fondava su: asini, sapone e tempo sprecato. 

Ci si è riempiti la bocca della locuzione ‘transizione ecologica’ ma alla fine oltre a creare altre maglie burocratiche e governative di azioni concrete nemmeno la visione lontana ed allucinata pari ad un’oasi nel deserto. Solo l’ipocrisia dello sgomento sempre dopo che si sono verificati eventi luttuosi. Prevenzione mai e meno che mai la possibilità di mettere in atto opere reali che raggiungano se non la risoluzione di problemi almeno la circoscrizione di essi.

Un appello

Il 25 settembre è dietro l’angolo e il Paese, quello vero non quello dei sondaggi, ha necessità di sapere cosa si farà di concreto per mettere fine a tutto ciò. Letta, Berlusconi, Salvini, Meloni, Calenda, Renzi e tutti gli altri che sarebbe troppo lungo nominare; tutti quelli che nel nome del loro partito o schieramento mettono in bella vista la parola Italia: cosa avete fatto per questa terra? Cosa farete – ma seriamente non come promessa elettorale –  per far sì che questo Paese possa ancora essere tale e pensare di avere un futuro vero?

Gianni Tortoriello

Quattro decenni e più di vita dedicati al giornalismo, ma anche alla comunicazione tout-court, passando dalla carta stampata, alla televisione, al web. Una Laurea in Scienze Politiche alla Federico II, qualche anno d'insegnamento e qualche altro da formatore. Unica fede, il Napoli. Poche certezze, tanta passione e una consapevolezza: ciò che paga è solo l'impegno costante nel realizzare i propri progetti e, perché no, i sogni. Il villaggio globale di cristallo dell'informazione e della comunicazione è, purtroppo, divenuto il luogo dove conta solo 'spararla quanto più grossa possibile!' Il sensazionalismo e l'opinionismo hanno soppiantato la notizia. Io vorrei solo continuare a fare quello che mi hanno insegnato: raccontare i fatti.

Condividi
Pubblicato da
Gianni Tortoriello

Articoli Recenti

Mondiali in Qatar 2022 sui social: chi è il più cercato?

Il 20 novembre scorso hanno preso il via la Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 ed anche sui… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

PM Factory, nei Paesi Bassi, potenzia la sua serie di soluzioni MVNO con l’implementazione del Packet Gateway cloud nativo di Mavenir

Il Packet Gateway cloud nativo di Mavenir consente a PM Factory di offrire servizi di… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Migrants Work: la prima piattaforma per il collocamento online del lavoro straniero

Nasce in Italia della prima rete di collocamento privato esclusivamente dedicata al lavoro straniero con… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Positivi e vaccinati in Campania il 5 dicembre

I dati ufficiali sui positivi e i vaccinati in Campania diffusi il 5 dicembre Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Thales affronta il tema dell’inclusività con la sua ‘Voice Payment Card’

Un’innovazione nei pagamenti offre autonomia e comodità alle persone affette da disabilità visive Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Doppio Binario Tour 2022 con Antonio Masullo

Lo scrittore partenopeo ritorna con un nuovo progetto di divulgazione del valore della Memoria Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più