Tendenze

Spotify, regina dello streaming, licenzia altri 1.500 dipendenti

Completato il piano licenziamenti per il 2023 di Spotify, l'azienda leader di contenuti in streaming. Andranno a casa 1.500 dipendenti

Spotify, la piattaforma di contenuti streaming più famosa al mondo, ha annunciato un taglio del personale del 17%. Una decisione che si colloca all’interno di un piano di ristrutturazione aziendale avviato dal colosso svedese a inizio anno e portato avanti nonostante i più che soddisfacenti ricavi maturati durante l’anno. L’amministratore delegato e cofondatore dell’azienda, l’imprenditore svedese Daniel Ek, ha spiegato il perché di questa decisione.

Spotify, la regina dello streaming

Lanciata nel 2006 come piattaforma per l’ascolto in streaming di brani musicali, Spotify ha visto i suoi utenti crescere in maniera esponenziale nel tempo. Nel 2015 contava 75 milioni di utenti, nel 2016 ha raggiunto i 40 milioni di utenti paganti. Come tutte le aziende del mondo tecnologico, durante la pandemia i suoi numeri hanno registrato una vera impennata e, grazie anche all’offerta di capitale a basso costo, sono stati possibili, in alcuni casi necessari, investimenti in contenuti e in personale.

La fine delle restrizioni imposte dalla pandemia e il ritorno graduale alla vita precedente ha portato poi una flessione degli introiti. Al tempo stesso le condizioni economiche generali sono cambiate: gli investimenti messi in campo nel 2020 e nel 2021 sono diventati insostenibili. Così, l’azienda svedese, come illustrato da Ek, nonostante un aumento degli utenti attivi del 26% (574 milioni), nel terzo trimestre 2023 si è ritrovata un utile netto di 65 milioni di euro contro i 166 dell’anno precedente. Come ha spiegato Ek l’azienda è stata “più produttiva, ma meno efficiente” e l’obiettivo è quello di “essere entrambe le cose allo stesso tempo“.

Da qui la necessità, sempre secondo Elk, di snellire la struttura aziendale, che tradotto in termini più semplici, significa operare tagli sul personale.

Il piano di ristrutturazione aziendale

Per il 2023 Spotify ha messo in atto un piano di licenziamenti in tre ondate. La prima ha avuto luogo a gennaio e ha mandato a casa 600 persone (il 6% del personale), la seconda a giugno e ha coinvolto altri 200 impiegati (il 2% della forza lavoro). Quest’ultima ondata, annunciata il 4 dicembre, taglierà il personale di un ulteriore 17%, cioè metterà alla porta 1.500 dipendenti.

Daniel Ek ammette che un piano simile sia difficile da comprendere per un’azienda che ha fatto i suoi profitti ma si è reso necessario per “allineare Spotify” con “gli obiettivi futuri” e di garantire un adeguato dimensionamento “per le sfide che verranno”. Il capitolo tagli del personale, a quanto pare, non finisce qui ma sembra dover proseguire anche per i prossimi due anni.

Quanti licenziamenti nel mondo Tech

Spotify, come sappiamo, non è la prima azienda del settore tecnologico ad aver effettuato dei tagli al personale. Lo scorso anno Facebook ha licenziato 11.000 dipendenti, Amazon 10.000, Getir 4.48, Twitter 3.700, cioè il 50% dei propri dipendenti. Ancora Uber ha effettuato 6.700 licenziamenti, Peloton 2.800, Groupon 2.800. In totale, nel 2022, nel settore tecnologico, ci sarebbero stati 121mila licenziamenti di cui 106mila solo negli Stati Uniti.

I ricavi astronomici registrati durante la pandemia lasciavano presagire una continuazione del trend positivo ma le difficoltà economiche sorte subito dopo hanno decisamente invertito la tendenza. L’inflazione fa sentire il suo peso.

In copertina foto di Photo Mix da Pixabay

Serena Bonvisio

Giornalista pubblicista, ha al suo attivo collaborazioni con diverse testate locali e nazionali, nonché esperienza di radio e ufficio stampa. Il web è come il primo amore... non si scorda mai.

Condividi
Pubblicato da
Serena Bonvisio

Articoli Recenti

Roma, centinaia in piazza: “Contro le manganellate, Piantedosi dimettiti”

"Contro le vostre manganellate, Piantedosi dimettiti". E' la scritta che campeggia sullo striscione esposto dai… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

X-Force Threat Intelligence Index: i pericoli della cybersicurezza

Il panorama della cybersicurezza è in continua evoluzione, con nuove minacce che emergono ogni giorno Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Esoterismo: sappiamo cos’è?

La natura misteriosa e affascinante dell'esoterismo ha da sempre attratto studiosi, curiosi e ricercatori spirituali Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Strage Cutro, familiari vittime: “Giustizia e verità”

I familiari delle vittime della strage di Cutro chiedono "giustizia e verità" per i loro… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Strage Cutro, Schlein depone mazzo di fiori sul luogo del naufragio

La segretaria del Pd Elly Schlein è arrivata a Steccata di Cutro (Crotone) per rendere… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Intelligenza artificiale

Ti fan corona tante schegge che tu ridente, osi mostrare mentre col tuo sembiante mille… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più