Storie

Terapie geniche a rischio, malattie rare che avanzano

L'appello di Fondazione Telethon per scongiurare il ritiro dal mercato di alcuni farmaci che costituiscono terapie geniche molto efficaci per il contrasto di malattie rare e ultra-rare

Le terapie geniche, che si stanno rivelando in questi anni molto efficaci per contrastare malattie rare e ultra-rare, rischiano, in parte, di non essere più disponibili sul mercato. E’ questo l’allarme lanciato da Fondazione Telethon che si è detto disponibile a intervenire personalmente per assicurare quella che per alcuni malati è l’unica cura possibile. Facciamo un passo indietro: spieghiamo cos’è una terapia genica e cerchiamo di capire qualcosa di più di quel processo che mette in collegamento ricerca e industria.

Terapie geniche e bilanci in perdita

Stefano Benvenuti

Le terapie geniche trattano le patologie, così come suggerisce il nome, su base genetica. Forniscono, cioè, all’organismo la versione corretta del gene responsabile della malattia. In alternativa forniscono un altro gene che compensa i danni provocati dalla patologia. La ricerca in materia è iniziata alla fine degli anni Ottanta: in quel periodo si videro, infatti, le prime sequenze modificate di DNA. Per avere i primi veri frutti, però, la ricerca ha dovuto attendere il nuovo millennio.

Pur affrontando il problema utilizzando la chiave della genetica, le terapie geniche oggi non curano più esclusivamente malattie genetiche. L’efficacia riscontrata in questo primo ambito di azione ha spinto gli studiosi ad allargare il raggio della ricerca anche ad altri tipi di patologie. Buoni risultati si stanno ottenendo, per esempio, in ambito oncologico e per il trattamento di malattie infettive e autoimmuni. Nel caso delle malattie rare e ultra-rare, rappresentano, spesso, l’unica terapia possibile. E’ per questo motivo che il ritiro dal mercato dei relativi medicinali, in parte già avvenuto, rappresenta un’autentica rovina per alcuni malati.

Stefano Benvenuti, Responsabile per i Rapporti Istituzionali di Fondazione Telethon, ci ha spiegato il delicato equilibrio che esiste tra ricerca e industria, la prima tesa a trovare sempre nuove soluzioni, la seconda intenta, tra l’altro, a far quadrare i conti.

https://api.soundcloud.com/tracks/1314207295

Serena Bonvisio

Giornalista pubblicista, ha al suo attivo collaborazioni con diverse testate locali e nazionali, nonché esperienza di radio e ufficio stampa. Il web è come il primo amore... non si scorda mai.

Condividi
Pubblicato da
Serena Bonvisio

Articoli Recenti

PM Factory, nei Paesi Bassi, potenzia la sua serie di soluzioni MVNO con l’implementazione del Packet Gateway cloud nativo di Mavenir

Il Packet Gateway cloud nativo di Mavenir consente a PM Factory di offrire servizi di… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Migrants Work: la prima piattaforma per il collocamento online del lavoro straniero

Nasce in Italia della prima rete di collocamento privato esclusivamente dedicata al lavoro straniero con… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Positivi e vaccinati in Campania il 5 dicembre

I dati ufficiali sui positivi e i vaccinati in Campania diffusi il 5 dicembre Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Thales affronta il tema dell’inclusività con la sua ‘Voice Payment Card’

Un’innovazione nei pagamenti offre autonomia e comodità alle persone affette da disabilità visive Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Doppio Binario Tour 2022 con Antonio Masullo

Lo scrittore partenopeo ritorna con un nuovo progetto di divulgazione del valore della Memoria Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Boyd amplia la produzione in Polonia

Con volumi elevati di capacità automatizzata per soddisfare la domanda in rapida crescita in Europa… Continua a leggere

5 Dicembre 2022

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più