Categorie: Tendenze

Transizione energetica in Italia: il nuovo report

Transizione energetica in Italia: a che punto siamo? Ce lo dice la campagna #FundOurFuture ActionAid analizzando il portafoglio di CDP

Transizione energetica in Italia: a che punto siamo? Ce lo dice la campagna #FundOurFuture ActionAid analizzando il portafoglio energetico di Cassa Depositi e Prestiti. Il report vede il nostro Paese ancora lontano dagli obiettivi e dagli impegni presi a livello internazionale.

Transizione energetica in Italia: il report di ActionAid

L’analisi di ActionAid ha evidenziato come gli investimenti nel settore energetico, responsabile di circa il 75% delle emissioni di gas serra, continuano a favorire le fonti fossili rispetto alle energie pulite. Le cause della crisi climatica ricevono più fondi rispetto alle soluzioni. Con pesanti ricadute soprattutto sui Paesi del Sud globale. L’Italia è il sesto tra i paesi del G20 per sovvenzioni pubbliche ai combustibili fossili. Avanti ci sono Canada, Corea del Sud, Giappone, Cina e India, mentre in coda Stati Uniti e Germania. Durante il G7 Ambiente di Venaria, lo scorso aprile, è stata ribadita l’importanza di allineare i flussi finanziari agli obiettivi dell’Accordo di Parigi, impegnandosi a porre fine ai nuovi sostegni pubblici diretti al settore dei combustibili fossili.

Durante la COP26 di Glasgow, l’Italia, ha lanciato il Fondo Italiano per il Clima e firmato la Dichiarazione sul sostegno pubblico internazionale alla transizione energetica pulita. Si è impegnata ad abbandonare i combustibili fossili entro un anno: un impegno che continua a essere disatteso. Non solo, il Governo avanza nell’ambizione di trasformare l’Italia in un hub energetico basato sul gas, ricorrendo anche al Fondo Italiano per il Clima (4,4 miliardi di euro). Il Fondo, pensato per contribuire alla lotta al cambiamento climatico, rischia di venire utilizzato per finalità opposte. Il primo contributo stanziato ufficialmente del Fondo, difatti, sarà destinato a finanziare la filiera dei biocarburanti di ENI in Kenya.

Il caso Mozambico

Controllata per oltre l’80% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, Cassa Depositi e Prestiti è una banca di promozione nazionale e un’istituzione finanziaria per lo sviluppo. Dovrebbe adottare strumenti avanzati per rilevare e prevenire i rischi. Tuttavia, l’analisi commissionata da ActionAid Italia, con l’ausilio di ECCO Think Tank, a Perspective Climate Research, evidenzia come il portafoglio energetico internazionale di CDP non sia affatto allineato agli Accordi di Parigi con una valutazione di soli 0,22 punti su 3, inferiore persino a quella di SACE. Il divario tra le ambizioni nazionali di sostenibilità e gli investimenti internazionali nel settore fossile è determinante nella valutazione. Oltre a detenere una quota significativa in ENI (27,7%), Cassa Depositi e Prestiti non aderisce a partnership per la rendicontazione delle emissioni di gas serra delle proprie attività operative. Inoltre non impone divieti espliciti su investimenti nel carbone, petrolio e gas fossile.

Dal 2016 al 2022 solo un terzo dei 3 miliardi di euro del suo portafoglio energetico è stato destinato a progetti di energia pulita. Principalmente (70%) in Italia, mentre quasi l’80% degli investimenti fossili si concentra all’estero, con progetti controversi come quello in Mozambico (569 milioni di euro) del 2020. Infatti, sebbene il Mozambico sia tra i primi dieci paesi al mondo per riserve di gas – e rappresenta insieme all’Egitto oltre il 60% del portafoglio energetico internazionale di CDP in combustibili fossili – rimane uno dei Paesi con il più basso livello di sviluppo umano secondo le Nazioni Unite.

Di fatto, le esplorazioni di nuove fonti di gas hanno contribuito a destabilizzare un contesto politico già fragile. Dal 2017 il Paese è alle prese con un’insurrezione armata. Insurrezione alimentata dagli interessi sulle risorse naturali nella provincia di Capo Delgado, che ha costretto oltre 700.000 persone a sfollare, privandole dei mezzi di sussistenza.

#FundOurFuture

Il Governo locale ha dichiarato di non avere fondi per affrontare la crisi, mentre le Nazioni Unite necessitano di 400 milioni di dollari per assistere la popolazione, ma finora hanno ricevuto impegni per solo il 5% di tale importo.

Attraverso la campagna internazionale #FundOurFuture, ActionAid chiede di porre fine agli investimenti nei combustibili fossili e nell’agricoltura industriale. In Italia, l’attenzione è sul contributo che il Governo, tramite Cassa Depositi e Prestiti, può fornire alla transizione energetica globale. Con l’Italia alla presidenza del G7, è imperativo adottare misure rapide per allinearsi agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. E’ indispensabile mantenere gli impegni internazionali già assunti oltre che eliminare i finanziamenti pubblici ai combustibili fossili. E’ indispensabile, inoltre, evitare che il Fondo Italiano per il Clima sia utilizzato per finanziare l’estrazione di gas in Africa. Attività che non favoriscono né la cooperazione energetica né la sicurezza energetica italiana.

Paolo Rogno

Condividi
Pubblicato da
Paolo Rogno

Articoli Recenti

Governance Poll 2024: i più amati tra i primi cittadini d’Italia

Governance Poll 2024: il sindaco di Parma Michele Guerra (63%) conquista il primo posto tra… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Freedom Energy: riscatto e mobilità sostenibile

Il progetto "Freedom Energy" è stato reso possibile grazie al protocollo d'intesa firmato tra il… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Irpinia: viaggio nel cuore dell’appennino campano

L'Irpinia, un territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturali che si estende nel cuore… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Conflitti nel mondo: quanti morti dalla Guerra Fredda

Conflitti nel mondo: quanti morti hanno fatto dalla Guerra Fredda a oggi? Scopriamolo con l'aiuto… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Xsolla lancia una pluripremiata soluzione backend che aggiunge il supporto per il gioco multipiattaforma alle console di nuova generazione

Ottimizzazione dell'efficienza nello sviluppo: soluzioni su misura per un'integrazione fluida tra le principali piattaforme di… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Virus sud America: cos’è Oropouche

Oropouche è il nuovo virus proveniente dal Sud America che sta facendo registrare i primi… Continua a leggere

18 Luglio 2024

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più