Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Altro che storia inventata

Stampa/PDF
Altro che storia inventata, quello che stiamo per raccontare è davvero accaduto. Una storia, che è proprio vera, verissima, e che ha dell'incredibile, vissuta da un turista tedesco che ha trascorso due giorni e due notti in una prigione di Sciaffusa per essere caduto dalla propria bicicletta durante una vacanza in Svizzera.

Cosa è successo al ciclista tedesco
I fatti riportati dal quotidiano tedesco Südkurier sono accaduti l'estate scorsa. Il 66enne si trovava in bici nel centro di Sciaffusa quando, gestendo male una frenata, è caduto, si è rotto una costola ed è finito all'ospedale. La Polizia ha chiesto al malcapitato delle precisazioni sulle circostanze dell'accaduto. L'uomo, ha raccontato al Südkurier, pensava fosse un interrogatorio di routine. E invece sei settimane più tardi ha ricevuto una raccomandata che lo condannava per la sua caduta a 150 franchi di multa. Sbalordito, il cittadino tedesco si è rifiutato di pagarla visto che durante l'incidente non ha messo in pericolo la vita di nessuno. Ma la condanna parlava chiaro, è stata infranta la legge federale sulla circolazione stradale. Nell'articolo 31 si legge infatti: "Il conducente deve costantemente padroneggiare il veicolo, in modo da potersi conformare ai suoi doveri di prudenza".

Un'esperienza diventata virale sui social
Una logica che il turista tedesco non ha accettato valutando la sanzione ingiusta e, ostinandosi a non pagare, la pena è stata infine convertita in giorni di prigione. L'uomo ha scontato la sua pena il 6 e il 7 gennaio in un carcere di Sciaffusa e tutt'ora si dice convinto dell'assurdità di questa condanna, la quale "non favorisce sicuramente il turismo in Svizzera". Una clamorosa ingiustizia che in mezza giornata ha spopolato in internet sui social. Sono piovuti commenti molto acidi sull'incredibile storia.
Stampa/PDF
Altro che storia inventata