Antiriciclaggio: l'accordo europeo

Stampa/PDF

L'UE sta intensificando la lotta contro il contante illegale rafforzando il monitoraggio delle minacce di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo a livello di UE.

Gli ambasciatori dell'UE hanno concordato la posizione negoziale del Consiglio su una proposta che rafforza il ruolo dell'Autorità bancaria europea (ABE) per quanto riguarda i rischi posti al settore finanziario dalle attività di riciclaggio

Antiriciclaggio: le norme UE
"Il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo sono problemi di sicurezza importanti. L'UE ha un solido quadro giuridico per reprimere i flussi di denaro illegali, ma sono necessari ulteriori sforzi per garantire che le norme siano attuate e monitorate in modo coerente in tutta l'UE. L'Autorità bancaria europea ha un ruolo cruciale da svolgere a tale riguardo" Hartwig Löger, ministro delle finanze dell'Austria che attualmente detiene la presidenza del Consiglio

Recenti casi di riciclaggio di denaro in alcune banche dell'UE hanno sollevato timori che le norme antiriciclaggio (LRD) non siano sempre controllate e applicate in modo efficace in tutta l'UE, creando rischi per l'integrità e la reputazione del settore finanziario europeo, nonché per il settore finanziario stabilità di quelle banche.

Antiriciclaggio: l'ABE
Rafforzare il ruolo e i poteri dell'ABE in materia di vigilanza antiriciclaggio per gli istituti finanziari garantirebbe che le norme antiriciclaggio siano applicate efficacemente in tutti gli Stati membri e tutte le autorità coinvolte (in particolare le autorità di vigilanza prudenziale e antiriciclaggio) cooperino strettamente insieme.

In base al testo concordato, l'ABE riceverà in particolare i seguenti compiti:

  • raccogliere informazioni dalle autorità nazionali competenti in merito alle debolezze individuate nel contesto della loro azione per prevenire o combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo;
  • migliorare la qualità della vigilanza attraverso lo sviluppo di standard comuni e il coordinamento tra le autorità nazionali di vigilanza .
  • effettuare valutazioni del rischio sulle autorità competenti per valutare le loro strategie e risorse per affrontare i più importanti rischi di LMA emergenti a livello di UE.
  • facilitare la cooperazione con i paesi terzi per casi transfrontalieri.
  • in ultima istanza, se le autorità nazionali non agiscono, l'EBA sarebbe in grado di indirizzare le decisioni direttamente alle singole banche .

Parallelamente, l'UE e i suoi stati membri si sono impegnati in una profonda revisione delle pratiche esistenti per la cooperazione tra antiriciclaggio e autorità di vigilanza prudenziale. Il 4 dicembre 2018 il Consiglio ha adottato un piano d'azione che definisce azioni non legislative a breve termine per affrontare meglio le sfide della lotta alla violenza. 

In particolare, il Consiglio ha raccomandato di condurre un'analisi "post mortem" dei recenti casi di riciclaggio di denaro nelle banche dell'UE per capire come sono avvenuti e per contribuire a definire eventuali azioni aggiuntive.

Antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo
Le norme europee in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo sono state considerevolmente rafforzate negli ultimi anni, con due riforme consecutive adottate dal 2015. L'ultima revisione della direttiva AML, la quinta direttiva antiriciclaggio, è stata adottata nell'aprile 2018 e dovrebbe essere recepita a livello nazionale entro il gennaio 2020.

La presidenza del Consiglio dovrà negoziare con il Parlamento europeo per raggiungere un accordo definitivo prima che le nuove norme possano essere adottate e applicate.

Stampa/PDF
Antiriciclaggio: l'accordo europeo