Gestione delle frontiere: nuovi accordi e progetti

Stampa/PDF
L'UE sta lavorando per migliorare la protezione delle sue frontiere esterne come parte del suo approccio globale alla migrazione. Gli ambasciatori dell'UE hanno confermato oggi a nome del Consiglio l'accordo informale raggiunto tra i rappresentanti del Parlamento europeo e la presidenza rumena del Consiglio su un regolamento relativo alla guardia costiera e di frontiera europea. Le nuove regole devono ora essere formalmente adottate dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Una protezione rafforzata delle frontiere esterne è essenziale per uno spazio Schengen più sicuro e una gestione più efficiente della migrazione. Le nuove regole consentiranno a Frontex di fornire un sostegno più rapido e più efficiente agli Stati membri in merito a una serie di compiti, compresi i controlli alle frontiere e il rimpatrio di coloro che non hanno il diritto di rimanere.

Gestione delle frontiere: nuove attrezzature e più personale addetto
"L'Agenzia europea di guardia costiera e di frontiera (Frontex) viene rafforzata in termini di personale e attrezzature tecniche. Inoltre, viene assegnato un mandato più ampio per sostenere le attività degli Stati membri in materia di protezione delle frontiere, rimpatrio e cooperazione con i paesi terzi. Le nuove norme proposte incorporeranno il sistema europeo di sorveglianza delle frontiere (EUROSUR) nel quadro di Frontex per migliorarne il funzionamento" ha dichiarato Carmen Daniela Dan, ministro degli affari interni rumeno.

Gestione delle frontiere: le misure per affrontare le situazioni di crisi
Per garantire una gestione coerente delle frontiere esterne e poter rispondere alle situazioni di crisi, sarà istituito un corpo permanente con fino a 10 000 membri operativi entro il 2027. Questo corpo permanente comprenderà membri operativi del personale di Frontex, provenienti dagli Stati membri sotto distacchi a lungo termine o dispiegati per un breve periodo, e una riserva per reazione rapida.

Gli schieramenti del corpo permanente si svolgeranno dal 1° gennaio 2021. Per essere in grado di adattarsi alle situazioni e alle capacità future, entro il 31 dicembre 2023 la Commissione presenterà al Consiglio e al Parlamento europeo una revisione del numero e della composizione complessivi del corpo in piedi. La Commissione presenterà quindi, se del caso, proposte entro il 2024 per modificare il numero, la composizione e i contributi degli Stati membri al corpo.

Gli Stati membri manterranno la responsabilità primaria per la gestione delle loro frontiere, con Frontex e il suo personale che forniscono assistenza tecnica e operativa soggetti all'accordo degli Stati membri interessati. In base alle nuove regole proposte, il personale del corpo permanente schierato in uno stato membro sarà in grado di esercitare poteri esecutivi per svolgere controlli di frontiera o compiti di rimpatrio, sempre soggetto all'autorizzazione dello stato membro ospitante, compreso l'uso della forza e delle armi.

Le norme proposte consentiranno a Frontex di fornire supporto tecnico e operativo agli Stati membri nelle operazioni di rimpatrio.

L'agenzia fornirà supporto su richiesta dello stato membro interessato o di propria iniziativa e d'accordo con lo stato membro interessato. Questo supporto coprirà tutte le aree di ritorno, dalle attività preparatorie alle attività di ritorno, post-ritorno e post-arrivo. Comprende anche il ritorno volontario assistito e l'assistenza degli Stati membri nell'individuazione dei cittadini di paesi terzi e l'acquisizione di documenti di viaggio.

Gestione delle frontiere: la cooperazione con i paesi terzi
Le norme proposte contribuiranno a rafforzare la cooperazione con i paesi terzi, offrendo all'agenzia maggiori possibilità di intervento e non limitando le sue possibilità di cooperazione ai paesi limitrofi.

Ciò include la possibilità di concludere accordi sullo status tra l'UE e paesi terzi (limitati ai paesi limitrofi in base alle norme vigenti), che consentirebbe l'invio di squadre di gestione delle frontiere da Frontex e per operazioni nel territorio di paesi terzi.

L'agenzia sarà inoltre in grado di schierare esperti come ufficiali di collegamento, che faranno parte delle reti di cooperazione locale o regionale di funzionari di collegamento incaricati dell'immigrazione e esperti di sicurezza dell'UE e degli Stati membri. Sarà data priorità allo spiegamento di ufficiali di collegamento nei paesi di origine e di transito.

Stampa/PDF
Gestione delle frontiere: nuovi accordi e progetti