L'UE sul commercio dei minerali

Stampa/PDF

La Presidenza del Consiglio europeo e del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo informale su un regolamento per fermare il finanziamento dei gruppi armati attraverso il commercio di minerali. Questo regolamento ha lo scopo di incoraggiare le imprese europee nell'estrazione di stagno, tantalio, tungsteno e oro in modo responsabile. Questi minerali sono ampiamente utilizzati nei prodotti di uso quotidiano, tra cui telefoni cellulari, automobili e gioielli.

"Oggi si dimostra la nostra determinazione a rafforzare i nostri sforzi per impedire ai gruppi armati in tutto il mondo di utilizzare il commercio e i minerali per finanziare le loro attività e propagare conflitto", ha detto Peter Ziga, ministro slovacco responsabile del Commercio e presidente del Consiglio. "Questo regolamento sarà messo in pratica in tal senso. Allo stesso tempo, non ci saranno ulteriori oneri burocratici per le imprese europee che commerciano nel rispetto delle regole, mentre i cittadini dell'UE possono essere sicuri che i loro acquisti non incidono sui diritti umani in paesi teatro di conflitti".

Il regolamento comporta chiari obblighi di responsabilità per la parte più a 'monte' del processo di produzione, che coinvolge l'estrazione e la raffinazione di questi minerali. La stragrande maggioranza dei metalli e minerali importati nell'UE sarà coperto, mentre i piccoli importatori di volume saranno esenti da tali obblighi.

Per il Consiglio Europeo, l'accordo deve ancora essere confermata dagli stati membri. La presidenza dovrebbe presentare il testo concordato per l'approvazione degli ambasciatori degli Stati membri.

Stampa/PDF
L'UE sul commercio dei minerali