Liliana Segre e la testimonianza come scelta di vita

Stampa/PDF

Lo scorso 10 dicembre, per le strade del centro di Milano, sindaci provenienti da tutta Italia hanno sfilato alla manifestazione "Uniti contro l'odio", organizzata da Beppe Sala. Per le vie del centro, da piazza Mercanti a piazza della Scala, oltre seicento primi cittadini hanno voluto manifestare il loro sostegno a Liliana Segre e la sua testimonianza della Shoa. Da circa un mese, alla senatrice è stata assegnata la scorta, in seguito alle numerose minacce antisemite ricevute via web. La sua opera di sensibilizzazione sui temi del razzismo e dell'antisemitismo rappresenta un forte contrasto al clima di odio e al negazionismo sugli ebrei molto diffuso anche in Italia.

liliana segre ha fatto della testimonianza la sua missione

Liliana Segre: matricola 75190
Nata nel 1930 a Milano in una famiglia ebrea, Liliana Segre vive sulla sua pelle tutte le restrizioni riservate agli abrei, appunto, per effetto della promulgazione delle leggi razziali nel 1938. Viene espulsa dalla scuola che frequentava, nel 1943 viene arrestata e il 30 gennaio 1944 deportata, insieme al padre, nel campo di concentramento di Auscwitz-Birkenau. Sarà liberata nel 1945 insieme ad altri 24 bambini. Il ritorno alla vita "normale" non è facile. In un'Italia che tentava di ricostruirsi dopo il fallimento della guerra, le persone non erano disposte ad ascoltare le atrocità patite da chi era stato rinchiuso in un campo di concentramento. Negli anni, poi, il negazionismo sugli ebrei e sull'Olocausto in Italia ha reso difficile a Liliana Segre fare testimonianza. La sua voce inizia a sentirsi negli anni Novanta periodo in cui l'esigenza di delineare una pagina così atroce della nostra storia porta alla realizzazione di documentari e libri-intervista.

L'attività parlamentare di Liliana Segre che contrasta con il negazionismo in Italia
Nel 2018, la testimonianza di Liliana Segre sulla Shoa le guadagna la nomina a senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La sua attività politica si focalizza da subito sulla lotta a ogni forma di razzismo, antisemitismo, istigazione all'odio e alla violenza. A tale scopo ha proposto la creazione di un'apposita Commissione parlamentare. Il provvedimento è stato approvato pur incassando il no dell'opposizione. La senatrice, inoltre, si è opposta fermamente all'abolizione del tema di storia all'esame di maturità.

la testimonianza di liliana segre si scontra ogni giorno contro il negazionismo

Il negazionismo in Italia e il clima di odio diffuso ai giorni nostri
Liliana Segre e la sua testimonianza della Shoa incontrano ogni giorno numerosi ostacoli. Una mozione presentata dal Movimento 5 Stelle, e che aveva raccolto l'approvazione anche dell'opposizione, ha proposto che il Comune di Sesto San Giovanni concedesse la cittadinanza onoraria alla senatrice milanese. La proposta è stata rigettata dal Sindaco con la motivazione della strumentazione politica. Un concetto, questo, che viene spesso sbandierato quando si parla di razzismo e antisemitismo. Non a caso è stata la motivazione anche dei partiti della Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia che hanno votato contro la Creazione della Commissione parlamentare contro il razzismo e l'antisemitismo. Negazionismo sugli ebrei e odio serpeggiante nei loro confronti sono due facce della stessa medaglia. Sono le cifre di un clima sociale che oggi costringe una donna, sopravvissuta a un campo di concentramento, a vivere sotto scorta.

Stampa/PDF
Liliana Segre e la testimonianza come scelta di vita