News in oncologia al Pascale: le conclusioni

Stampa/PDF
In questa seconda giornata  del convegno sono state messe in evidenza le novità sui trattamenti del cancro del fegato, dello stomaco e del colon retto.
E' emerso che la sopravvivenza a due anni nei trattamenti per C.a è intorno al 47%, e 33%  su quello metà statico, con una chirurgia sempre più conservativa, con  migliori speranze per un recupero trapantiologico ottimale.

Un dato preoccupante è emerso dalle meta analisi nell' incidenza sulla popolazione per C.a dello stomaco e del retto che si vanno a classificare al 3' posto a livello nazionale, mentre la campania, risulta essere la regione più colpita per C.a del retto nella popolazione.

Anche qui novità di trattamento, con tecniche meno invasive e più radicali, come la tatme, che vuol dire trans anal total meso rectal.
Bisogna quindi implementare gli screening tra i medici ospedalieri e i medici di medicina generale.

Anche nel campo metodologico sono state riferite novità nella gestione del rischio clinico, con la instaurazione di strutture di risk management, che aiutano a ottimizzare i processi ospedalieri, ad evitare gli errori medici, a migliorare la qualità dei servizi offerti ai cittadini.

Ottimizzazione dei tempi di ricovero e di risparmio dei trattamenti in dy surgery e l' implementazione di nuove tecniche anestesiologiche, e impiantologiche.

L'interazione dei partecipanti stata molto precisa, con proficui  confronti, e miglioramento delle conoscenze lavorative e professionali. Relazioni di ottimo livello scientifico.

Un ringraziamento  va a tutti: relatori, discenti, segreteria organizzativa e segreteria scientifica, particolarmente all uilfpl campania e napoli per la sponsorizzazione dell' evento.
Stampa/PDF
News in oncologia al Pascale: le conclusioni