Tendenze

Everesting: come scalare il monte Everest ma in bici

Una sfida molto faticosa ma anche cool vede appassionati di ciclismo in sella alla loro bici scalare un pendio della stessa altezza del monte Everest

8.848 metri: è questa l’altezza della vetta più iconica al mondo: l’Everest. E’ questo anche il target della sfida ciclistica non nuovissima ma che con la pandemia ha visto un particolare slancio. Una sfida faticosa e che richiede una certa preparazione ma alla fine la soddisfazione che dà la sensazione di aver scalato il monte Everest a bordo della propria bici non ha eguali, questo è l’everesting.

Everesting, ovvero scalare il monte Everest in bici

Le regole per partecipare all’Everesting sono tre:

  • scalare con la propria bici fino ad arrivare all’altezza dell’Everest, 8.848 metri;
  • scegliere un qualsiasi pendio nel mondo;
  • raggiungere il target senza nessun limite di tempo ma senza dormire.

Il concetto di fondo dell’Everesting, infatti, non è scalare il monte Everest ma arrampicarsi su un pendio che porti il ciclista alla stessa altezza. Si sceglie, dunque, un percorso in salita e lo si ripercorre tante volte consecutive quante servono per arrivare ai 8.848 metri di altezza. Quindi, se il percorso scelto ha un dislivello minimo, dovrà essere ripetuto più volte rispetto a uno con un dislivello maggiore. Nel corso dell’impresa i ciclisti possono beneficiare di aiuti da parte di parenti, amici o semplici appassionati che porgono loro acqua e cibo. E’ chiaro che la sfida richiede una preparazione fisica specifica, sia nel caso di forti dislivelli che in quelli più dolci, un po’ come per la maratona.

Foto da Pixabay

Everesting e maratona

Come per la maratona, appunto, sono previsti percorsi di diversa lunghezza (42,195, 21,037 e 10 chilometri), anche per l’Everesting ci sono più versioni. In questo caso, le diversità non riguardano la lunghezza del percorso ma l’altezza da raggiungere. 8.848 è l’altezza completa, 4.424 la sua metà, poi c’è la 10 chilometri. Quest’ultima versione, infine, prevede due ulteriori alternative: la “Everesting 10k” e la “Everesting Roam”. La prima consiste nel raggiungimento di quota 10.000 metri senza coprire una distanza minima ma in un unico giro, non esiste limite di tempo e non è ammesso dormire fino al raggiungimento della meta. La “Everesting Roam”, invece, prevede sempre il raggiungimento dell’altezza di 10.000 metri, stavolta con la copertura di una distanza minima di 400 chilometri in un tempo massimo di 36 ore ed è possibile dormire prima di raggiungere il traguardo. Per l’Everesting non occorre necessariamente un bicicletta, la sfida è aperta anche ai corridori.

Un fenomeno globale

Nel mondo del ciclismo la “scalata del monte Everest” è un fenomeno in costante diffusione. A oggi la sfida coinvolge 109 Paesi nei quali sono stati percorsi 164.779.280 metri in salita, 6.454.774 sono i chilometri coperti da chi ha completato gli everesting e 20.024 sono gli everesting portati a termine. Per chiunque voglia sondare e superare i propri limiti fisici, i punto di riferimento è everesting.cc. Il sito web non solo illustra le regole, ma offre anche le linee guida per l’allenamento e gli strumenti ad hoc. Grazie all’App Strava, un must have per ciclisti e corridori, è possibile scegliere il percorso e inserendolo nella piattaforma di everesting.cc si ottiene l’indicazione di quante volte va eseguito per arrivare a meta. Le guide di everesting, disponibili anche per smartphone, consentono di iscriversi alla sfida, monitorarla fino al successo quando si conquista un posto nella “Hall of fame”.

In copertina foto da Pixabay

Serena Bonvisio

Giornalista pubblicista, ha al suo attivo collaborazioni con diverse testate locali e nazionali, nonché esperienza di radio e ufficio stampa. Il web è come il primo amore... non si scorda mai.

Condividi
Pubblicato da
Serena Bonvisio

Articoli Recenti

Roma, centinaia in piazza: “Contro le manganellate, Piantedosi dimettiti”

"Contro le vostre manganellate, Piantedosi dimettiti". E' la scritta che campeggia sullo striscione esposto dai… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

X-Force Threat Intelligence Index: i pericoli della cybersicurezza

Il panorama della cybersicurezza è in continua evoluzione, con nuove minacce che emergono ogni giorno Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Esoterismo: sappiamo cos’è?

La natura misteriosa e affascinante dell'esoterismo ha da sempre attratto studiosi, curiosi e ricercatori spirituali Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Strage Cutro, familiari vittime: “Giustizia e verità”

I familiari delle vittime della strage di Cutro chiedono "giustizia e verità" per i loro… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Strage Cutro, Schlein depone mazzo di fiori sul luogo del naufragio

La segretaria del Pd Elly Schlein è arrivata a Steccata di Cutro (Crotone) per rendere… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Intelligenza artificiale

Ti fan corona tante schegge che tu ridente, osi mostrare mentre col tuo sembiante mille… Continua a leggere

25 Febbraio 2024

Questo sito utilizza cookie di profilazione tecnici e di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione e/o accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, clicca su " Desidero più informazioni su Cookie e Privacy", per la Cookie Policy dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione dei cookie e sulle nostre politiche in termini di Privacy Policy

Leggi di più