CHI HA DETTO CHE LE APPS SONO (IN)UTILI?

Stampa/PDF
Quella delle Apps è una galassia in continua espansione. L’offerta dell’App store statunitense, per avere un’idea, è attualmente pari a 1.128.268 applicazioni, delle quali circa 200mila sono giochi. Solo nel 2008 le Apps disponibili erano circa 10mila, e ogni mese si aggiungono mediamente tra le 25mila e le 30mila novità.

Come quasi ogni riferimento tecnologico – televisione, internet, smartphone, tablet, un mucchio di altre cose - anche il concetto di App non ha una connotazione positiva o negativa in sé. Più che altro, dipende da noi, dall’utilizzo che ne facciamo e, quindi, dalle Apps che scegliamo per i nostri dispositivi. Alcune sono molto utili e semplificano i nostri compiti; altre lo sono molto meno e sottraggono tempo prezioso alle nostre giornate. Qualche esempio? Ecco 10 Apps: 5 molto inutili, 5 molto utili.

Se davvero non sapete come occupare spazio sul vostro iPhone, o tempo nella vostra vita, provate Hold on!. Questa App è una sfida a chi preme per più tempo il touchscreen del proprio dispositivo. E’ disponibile - adesso, dice la descrizione, prima no – anche in modalità multiplayer grazie al bluetooth. Incredibile che esista un’App del genere? Ma no, è solo incredibile che sia a pagamento.

Il Play store, invece, ci permette di farci sentire in un film vero e proprio. Non uno a caso, né a scelta, ma in Full Metal Jacket. Il Sergente Hartman nelle vostre vite è finalmente disponibile qui. Scaricate, installate, aprite (e tappatevi le orecchie). 

Volete tenere a mente quanto tempo perdete in ufficio grazie al vostro smartphone anche quando tornate a casa? Provate questa: una raccolta di spillatrici, fogli accartocciati e scricchiolii di tastiere che vi ricorderanno quanto eravate produttivi prima di comprare un iPhone.

Per questa si sono scomodati CNN, Times e New York Times, nonché i 90 milioni di persone che hanno deciso di scaricarla. Parliamo di iBeer. L’applicazione permette di trasformare il vostro iPhone in una pinta di birra. Se desiderate più schiuma agitate. Se il vostro amico è rimasto a secco versate un po’ di chiara nel suo smartphone. Se proprio il pub vero vi fa schifo, insomma, scaricatela pure.

iFart non necessita di grandi presentazioni. Non perché sia a pagamento (non lo è) ma perché molti la troveranno, se non utile, quanto meno divertente. D’accordo avete capito: il vecchio cuscino simulatore rosso che gonfiavate 15 anni fa è disponibile anche per il vostro smartphone, ma in maniera molto più articolata. Sono presenti infatti diversi settings. Come Bombardier, ad esempio, o Burrito Maximo.

Se invece avete deciso di mettere a frutto le potenzialità del vostro smartphone, potreste dare uno sguardo a queste di seguito.

Basta pacchi. Le vacanze sono alle porte, e il consiglio di quell’amico su dove mangiare non si è rivelato brillante come promesso. Lui è un tirchio, e per risparmiare vi ha indirizzato in un posto molto economico, e va bene, ma davvero troppo discutibile. Con l’App di Tripadvisor - disponibile per tutti i sistemi operativi - avete in tasca migliaia di alberghi, ristoranti e luoghi di interesse corredati da utili feedback di chi ci è già stato ed ha già provato. Su 100 pareri, se 30 saranno meno affidabili 70 saranno verosimili, no?

Per chi conosce il sito Skyscanner questa App non ha bisogno di molte presentazioni. Se cercate un volo è semplicemente il massimo: partenza, destinazione, ricerca simultanea di tutte le compagnie disponibili con il miglior prezzo offerto. Cento e più voli in un solo click, in tempo reale e su iPhone, Android e Windows Phone. Selezionate, comprate, volate. Ah, nel caso ricordatevi di spegnere lo smartphone (già, dovete farlo per forza). 

Quickoffice è gratis, Quickoffice è utile. In una sola parola, produttività. Visualizzate, modificate, ordinate i vostri documenti in numerosi formati, come Word, Excel, Powerpoint, PDF. Se vi chiedono di modificare un file mentre siete in autobus dite pure che lo mandate tra un paio di minuti: il tempo di mettere la mano in tasca. E di far scendere tutta quella folla.

L’acronimo di news è Feedly. E va bene, non è vero. Ma le sue funzioni lo sono, e sembrano essere utilissime. Feedly è un lettore di Feeds Rss che permette di ricevere aggiornamenti in tempo reale dalle vostre testate preferite sugli argomenti da voi scelti. Organizzate i temi, aprite le cartelle, leggete tutti gli articoli che il Gazzettino della vostra provincia o il Guardian vi spediscono autonomamente. Le notizie vi cercano: fatevi trovare.

Se volete risparmiare tempo e soldi scaricate I miei soldi. Questa App vi permetterà di tenere sotto controllo entrate ed uscite. Il suo aggiornamento è disponibile da differenti dispositivi, così da inserire un’entrata (si spera) dal vostro notebook e sincronizzare in seguito il vostro smartphone, aggiornando il budget.
Stampa/PDF
CHI HA DETTO CHE LE APPS SONO (IN)UTILI?