Filastrocche della Befana 2

Stampa/PDF

FERNANDA FERRARESSO 

AI MARGINI STA LA BEFANA                                                      

Ai margini sta  la befana sola

sopra una croda si fa la coda

sulla scopa sorvola

le punte  degli abeti

più spesso gli stolti pensieri

degli ebeti

sta a fare la calza

la befana  con filati di nuvole

carda direttamente le pecore

per farne disegni

per sognare di  notte

quiete mansuete  docili bestiole

nel più grande gregge di belve e tagliole

dal profondo del buio viene la befana

una volta la settimana

alza la sua ampia sottana traendone da sotto    

un catalogo di cime di civette e alambicchi

grani di caffé e tutti gli altri chicchi

per impastare  storie di zucchero e magia

la befana sa sempre quale è il meglio che ci sia

poi la si brucia nel rogo di una sera

davanti agli occhi allucinati di grandi e piccini

ma lei è  maga e conosce bene la magia

quando la guardate che brucia  è già volata via

una folata di vento ed è lontana oltre ogni tempo

è già in cima alla montagna

ai margini di tutte quelle storie

nutrite di silenzio e desiderio

un formulario viario e vario

un filato  lungo lungo

molto più lungo di un anno intero 


---------------------------------------------------------------------------- 

SANDRA TAGLIAVINI

LA BEFANA DISTRATTINA                                   

Ecco, ecco sta atterrando

attenzione, mi raccomando!

La Befana "Distrattina"

si è scordata una cosina...

A me sembra a mani vuote...

e per piedi c'ha due ruote!

Avrà incontrato un bel Babbino

che le ha prestato un motorino!

ma guardate attentamente...

non ha il sacco...non ha niente!

ora frena, s'avvicina

prende il posto poi s'inchina

Fa un sorriso a tutto tondo...

Nel bauletto c'ha il suo mondo!

C'è la scopa in mille pezzi

col torrone e un po' di attrezzi                           

c'è la gonna, un bigliettino

un regalo e un bel gattino

Che casotto, poveretta

è un po' vecchia e ha la frangetta

Fra un ciuffetto e un bigodino

lei vi guarda per benino

"bravi bravi, bei piccini

vi ho portato due dolcini"

"ma il torrone è sempre lì

pronto ad ogni lunedì!

c'è babbino, poveretto

che m'ha prestato il suo berretto

metto in moto, volo via

ci do gas ed è magia!


---------------------------------------------------------------------------- 

NERINA ARDIZZONI

La Vècia

Vecchierella come va?                                      

Vecchierella un azidènt,

da stì dè ansón è cuntènt,

tartassati a più non posso,

non ci resta neanche l'osso.

Me a m'ira abituèda,

da stènta ann o zò da dlè,

che la pè? a gh'ira chè;

aviva vèst di cànbiamint,

tènti màchin e mutùr,

què?i tót i en profesùr...

ma un pariva un gran bel quèl

che al mònd al psès cànbier,

tót insèm a lavurèr

quant bìa quìa sa psìva fèr!

Ma a m'ira dasmighèda

tót cal brènch ad gran  ladròn                                

ch'i l 'han fata da padròn

mitand in bulèta la naziòn.

Adès pò l'è ènch pìz,

tenta ?ènt só di barcòn,

atentè, rivoluziòn

calpestand libartè e pò ènch fraternitè.

E s'a guerd avsèn a ca',

è capitè zert quìa,

da lasèr móta la cumpagnia.

Par furtóna che a si chè,

a fer festa insèm a me,

par furtóna chi putèn i un ?lóngan i manèn...

St'ann  a tót  voi regalèr

panèton tradizionèl,

dal ravióli col savor,

da tucèr in dal liquor,                                              

mandarén e turùnzen

par fer cuntìnt grand e cén.

L'è  gran unòr pr al mi paè?

aver sènpar paghè al spè?

e insèm aver superè

quel che la storia l'ha mandè,

ènch sta vólta a farèn acsè,

arcurdeval tót i dè.

Préma che al falò l'un bru?a vìa

a salòt la cunpagnia,

a salòt amìgh e parìnt

e av dègh ad ster cuntìnt,

e al prit l'arcmandaziòn

ad dir sempar agli uraziòn,

par ster in bóna salót

e festegèr  insèm a tót.
 

La Befana                                                                 

Vecchierella come va?

Vecchierella un accidente,

di questi giorni nessun è contento,

tartassati a più non posso

non ci resta neanche l'osso.

Io mi ero abituata,

da settant'anni o giù di lì

che la pace c'era qui,

cambiamenti ce n'erano stati,

tante macchine e motori,

quasi tutti professori …,

ma mi sembrava un bell'affare

che il mondo potesse cambiare,

tutti insieme a lavorare

quante cose belle avremmo potuto realizzare!

Ma non avevo considerato quel branco di ladroni    

che l'han fatta da padroni,

mettendo in ginocchio la nazione.

Adesso poi è anche peggio,

tanta gente sui barconi,

attentati, rivoluzioni

calpestando libertà e poi anche fraternità.

E se guardo vicino a casa,

son capitati certi fatti

da lasciar senza parole tutti.

Per fortuna che stasera ci siete,

e insieme a me festeggiate,

per fortuna che i bambini mi allungano le manine...

Quest'anno a tutti voglio regalare

panettone tradizionale,

raviole con la marmellata

da bagnare nel liquore,                                         

mandarini e torroncini

per far felici grandi e piccini.

È un grande vanto per il mio paese

aver sempre pagato le spese

e  insieme, aver superato

quel che la storia ci ha mandato.

Anche questa volta andrà così,

ricordatevelo tutti i dì.

Prima che il falò mi porti via

saluto la compagnia,

saluto amici e parenti e vi dico di star contenti

e al parroco la raccomandazione

di dir sempre un'orazione

per stare in buona salute

e festeggiare insieme a noi.


---------------------------------------------------------------------------- 

SARA FERRAGLIA

LA NOTTE DELLA BEFANA                                

Ti svegli all’alba coi piedi ghiacciati

Cerchi le calze per farti scaldare

Scendi dal letto e cominci a frugare

Nei desideri dei tempi passati

E nei ricordi dal sonno offuscati.

Cerchi il rumore di passi sui tetti

Ed il profumo di notti stellate

Quando sognavi di streghe e di fate

Quando dal cielo piovevan confetti

Forse perduti da incauti folletti.

E’ proprio questa la cosa più strana

Che il tempo è maestro, a volte, a sbiadire

Pensieri ed orme che vuoi custodire

Poi certe notti l’oblìo si dipana

E ancora aspetti l'amata Befana.

Stampa/PDF
Filastrocche della Befana 2