IL BELLO O IL VERO

Stampa/PDF

***aggiornamento***
In occasione di Expo 2015 la mostra “Il Bello o il Vero” sarà prorogata fino a maggio 2015, in occasione di Expo 2015.

La fruizione dell'arte oltre a passare per canali classici avviene sempre più in modo dinamico ed interattivo. E così non viene sollecitata solo la vista, laddove l'utilizzo di supporti tecnologici all'avanguardia come quelli sviluppati da Databenc (Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali) vanno a stimolare prima la curiosità e poi lo spirito critico.

Il Bello o il Vero. La Scultura napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento, la mostra suddivisa in 9 sezioni a cura di Isabella Valente e nel contesto del Forum Delle Culture 2014 che sarà ospitata fino a sabato 31 gennaio a Napoli, presso il Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore. Ben 250 le opere che potranno essere ammirate, anzi oseremmo dire vissute dal momento che i visitatori potranno dialogare con esse, grazie alle tecnologie sviluppate nell’ambito dei progetti SNECS (Social Network Entità dei Centri Storici), OPS (Opere Parlanti Show), CHIS (Cultural Heritage Information System) e Muse@home. Un'occasione preziosa se si pensa che molti di questi capolavori, provenienti da musei e collezioni private di tutta Italia, non hanno avuto occasioni espositive o sono rimasti storiograficamente ai margini.

Escludendo Parigi, mai nessuna città fino a questo momento aveva fatto da location ad una mostra che si prospetta in maniera così lungimirante. Grazie infatti all'incontro tra arte, territorio e tecnologia si potrà avere una visuale onnicomprensiva, viaggiando dal realismo al simbolismo, della scultura locale del secondo Ottocento e del primo Novecento, un periodo particolarmente florido per l'arte italiana ed europea. Un viaggio tra verità e bellezza, opere "vere" e modelli in digital 3D, ciascuno dotato di una sorta di carta d'identità multilingue, che rendono il pubblico protagonista. Un'esperienza nell'esperienza che prevede un'interazione costante con le informazioni e i contenuti, attraverso applicazioni per smartphone e ricostruzioni virtuali su schermi ad altissima definizione. Una mostra dunque che, nella sua naturale proiezione verso una dimensione scientifico-divulgativa, arricchisce il panorama culturale della città di Napoli.

Qui di seguito le sezioni della mostra e tutti gli Artisti in mostra:

Sez. 1. Gli spazi pubblici della scultura otto-novecentesca

Sez. 2. Il Museo nella città

Sez. 3. I maestri

Sez. 4. Echi romantici nel passaggio all’Unità d’Italia

Sez. 5. La Collezione Jerace del Comune di Napoli

Sez. 6. Il Bello o il Vero

Sez. 7. Fine Secolo: aria di simbolismo

Sez. 8. Verso il Novecento

Sez. 9. La nuova forma della scultura: gli anni Venti e Trenta del Novecento


• Giovan Battista Amendola (1848 – 1887)

• Tito Angelini (1806 –1878)

• Alfonso Balzico (1825 – 1901)

• Costantino Barbella (1852 – 1925)

• Raffaele Belliazzi (1835 – 1917)

• Gennaro Cacciapuoti (1872 – post 1916)

• Emanuele Caggiano (1837 – 1905)

• Italo Campagnoli (1859 – 1931)

• Adriano Cecioni (1836 – 1886)

• Gaetano Chiaromonte (1872 – 1962)

• Filippo Cifariello (1864 – 1936)

• Pasquale D’Angelo (1896 – 1955)

• Nicola D’Antino (1880 – 1966)

• Achille Della Croce (? – ?)

• Luigi De Luca (1857 – 1938)

• Giovanni De Martino (1870 – 1935)

• Francesco De Matteis (1852 – 1917)

• Antonio De Val (1895 – 1973)

• Carlo De Veroli (1890 – 1938)

• Achille d’Orsi (1845 – 1929)

• Pasquale Duretti (1867 – 1938)

• Pasquale Fosca (1852 – 1929)

• Emilio Franceschi (1839 – 1890)

• Oronzo Gargiulo (1869 – 1917)

• Gesualdo Gatti (1856 – 1893)

• Saverio Gatto (1877 –1959)

• Vincenzo Gemito (1852 – 1929)

• Giacomo Ginotti (1845 – 1897)

• Francesco Jerace (1853 – 1937)

• Vincenzo Jerace (1862 – 1947)

• Domenico Jollo (1866 – 1938)

• Stanislao Lista (1824 – 1908)

• Raffaele Marino (1868 – 1957)

• Domenico Marzatico (notizie 1881)

• Francesco Paolo Michetti (1851 – 1929)

• Rocco Milanese (1852 – ?)

• Pasquale Monaco (1902 – 1984)

• Enrico Mossuti (1849 – 1920)

• Francesco Parente (1885 – 1969)

• Giuseppe Pellegrino (? – ?)

• Federico Percopo (1860 – ?)

• Giuseppe Renda (1859 – 1939)

• Eduardo Rossi (1867 – 1926)

• Eugenio Rossi (1905 – ?)

• Michelangelo Russo (1917 – ?)

• Tommaso Solari (1820 – 1889)

• Giuseppe Antonio Sorbilli (1824 – 1890)

• Francesco Saverio Sortino (? – ?)

• Odoardo Tabacchi (1831 – 1905)

• Giovanni Tizzano (1889 – 1975)

• Ennio Tomai (1893 –1969)

Complesso Monumentale San Domenico Maggiore
lunedì - domenica, ore 10-18, ingresso libero
Info: +39 081/56.29.085

Stampa/PDF
IL BELLO O IL VERO